RISONANZA MAGNETICA UN’ARMA CONTRO LA CEFALEA

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest

Il mal di testa o cefalea è un sintomo molto frequente e molto spesso invalidante, in grado di impedire lo svolgimento delle normali attività quotidiane. Nel corso di un anno il 90% degli individui soffre almeno un avolta di mal di testa. Ne esistono tantissime forme: la cefalea può infatti comparire come patologia primaria o secondaria ad un altro disturbo. È possibile suddividere il mal di testa in:

  • cefalee primarie

  • cefalee secondarie

Cefalee primarie

Le cefalee primarie sono quelle forme in cui il mal di testa è un disturbo autonomo, non legato ad altre patologie. Le cause nella maggior parte dei casi Nella maggior parte dei casi sono legate a fattori ambientali, a scorrette abitudini di vita, reazioni ormonali o stress.

Le più frequenti sono:

  • l’emicrania

  • la cefalea tensiva

  • la cefalea a grappolo

L’emicrania si manifesta nel 10-15% della popolazione ed interessa frequentemente il sesso femminile(70%). Si presenta con un dolore prevalentemente pulsante che interessa generalemente una metà del cranio. A volte è preceduta da sintomi quali disturbi visivi o del campo visivo (comparsa di immagini scintillanti e si accompagna a fotofobia(eccessiva sensibilità alla luce), fonofobia, nausea e vomito. La durata può essere di alcune ore fino a due o tre giorni. Le cause dell’emicrania sono sconosciute.

La cefalea tensiva rappresenta la forma più comune e relativamente meno dolorosa di cefalea primaria. Si manifesta con dolore diffuso, più spesso costrittivo o urente (sensazione dolorosa di bruciore). Non si associa a fotofobia e non si accompagna a nausea o vomito. La durata può essere anche di più giorni.

La cefalea a grappolo compare soprattutto nell’età adulta, interessa soprattutto il sesso maschile, è caratterizzata da crisi frequenti che possono ripetersi per mesi, per poi lasciare un periodo di benessere più o meno lungo (grappoli o clusters). Il dolore è localizzato prevalentemente nei dintorni della zona oculare.

Cefalee secondarie

Nelle cefalee secondarie, invece, il mal di testa deriva da una ben definita e precisa malattia sottostante: sinusite, nevriti o nevralgie, infezioni e infiammazioni, malformazioni vascolari, aumento della pressione endocranica, tumori del cervello o altre lesioni con effetto massa (es. ematomi o emorragie).

RISONANZA MAGNETICA DELL’ENCEFALO

La diagnosi viene formulata in primo luogo atraverso un’accurata raccolta dei dati clinici (anamnesi) ma di fondamentale importanza risultano essere anche le metodiche strumentali, in primis la Risonanza Magnetica, soprattutto nei casi di cefalee secondarie.

La Risonanza Magnetica è una tecnica diagnostica basata sull’applicazione di un campo magnetico ed onde di radiofrequenza(simili alle onde radio) al distretto corporeo da analizzare. Rispetto ad altre metodiche radiologiche (come al TAC) presenta il vantaggio della non invasività e il non impiego di radiazioni ionizzanti, consentendo di ottenere immagini in tre dimensioni. In virtù di queste caratteristiche, la RM si innalza ad esame d’elezione per lo studio delle strutture morfologiche cerebrali.

Con questo esame è possibile apprezzare il cervello, il cervelletto, il tronco encefalico, l’ipofisi, i ventricoli cerebrali, i nervi acustici ed ottici.

Come funziona la RM?

Il paziente viene fatto accomodare sul lettibo in posizione supina, con la testa appoggiata in un apposito supporto ed invitato a rimanere immobile e rilassato per tutta la durata. dell’esame.

É pericoloso eseguirla?

La RM è innocua ed indolore. L’esame viene comunque eseguito sotto il continuo monitoraggio del personale, sempre pronto ad intervenire per qualsivoglia bisogno del paziente. Poiché nell’esecuzione della risonanza magnetica il macchinario dà luogo ad emissioni rumorose il paziente può richiedere dei tappi auricolari.

Sono previste norme di preparazione?


Il paziente, prima di sottoporsi ad una RMN encefalo,
non deve seguire nessuna dieta, può mangiare e bere ciò che vuole, perché non è limitativa come altri tipi di esami.
Dovrà solamente privarsi prima di entrare nella sala magnete
di qualsiasi oggetto metallico. Per le donne è consigliato rimuovere anche il trucco.
Il personale medico si accerterà, mediante apposite domande, che il paziente non sia portatore di pace-maker o che lo stesso non abbia impiantate protesi valvolari o vascolari di tipo metallico, ovvero schegge metalliche mobili. L’azione dei magneti che compongono il macchinario, infatti, potrebbero influire sul funzionamento dei predetti impianti e mettere in pericolo la vita del paziente.

Perchè eseguirla presso il nostro centro Comedica?

In Comedica, a Terni in Via gabelletta 147, è attiva la risonanza magnetica aperta, studiata e realizzata per avere indubbi benefici di comfort per i pazienti claustrofobici o con “effetto claustrofobico”.

La Risonanza aperta non è un cilindro ma è strutturata ‘a sandwich’ con le due porzioni del magnete che stanno sopra e sotto il paziente ed aperta ai lati. Inoltre, permette di modificare l’ambiente circostante. Nelle problematiche relative all’effetto claustrofobico, infatti, si è notato che anche ciò che circonda il paziente conta nel ridurre l’impatto dell’esame. La stanza, quindi, è grande e non angusta e l’illuminazione è rivoluzionata.

Da ora potrete usufruire di questa prestazione anche presso il nostro centro, grazie alla recente collaborazione che abbiamo intrapreso con la Dott.essa Anna Kouleridou, neuroradiologa dell’ospedale Santa Maria di Terni, che prima dell’esame è in sede per un colloquio pre-esame con il paziente.

Via Gabelletta 147, Terni

Lun–Sab: 7:00 – 21:00 Domenica: Chiuso

Condividi questo post con i tuoi amici

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin