Donna con dolore alla spalla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Il dolore alla spalla è un patologia estremamente frequente che può colpire tutte le età ma soprattutto dopo la quinta decade, quindi tra i 40 e 50 anni, a causa dell’usura dei tendini.

Cos’è l’artralgia?

L’artralgia, che comunemente viene riconosciuto come dolore alla spalla, è il termine con cui i medici indicano la presenza di dolore a una o più articolazioni.

Quali sono i soggetti maggiormente a rischio del dolore alla spalla?

Tra i soggetti maggiormente a rischio troviamo lavoratori che utilizzano sistematicamente la spalla o sportivi che ripetono la stessa gestualità come i tennisti o i pallavolisti.

Quali possono essere le cause di dolori alla spalla?

Le cause possono essere molteplici come le lesioni della cuffia dei rotatori, tendiniti acute o croniche come quella del sovraspinoso o del capo lungo del bicipite, borsiti subacromiali o artrosi gleno-omerali.

E i sintomi più comuni?

Il sintomo principale delle lesioni della cuffia è il dolore alla spalla che aumenta di notte e nei movimenti di elevazione del braccio. Al dolore si associa la perdita della forza dell’arto interessato e il paziente non riesce ad eseguire anche gesti quotidiani come pettinarsi o vestirsi.

Cosa fare se il dolore alla spalla persiste?

La diagnosi di questa patologia è clinica e morfologica. Oltre a segni clinici specifici si consiglia sempre di eseguire una risonanza magnetica per ottenere informazioni complete sia sullo stato osseo che sui tessuti molli.

Qual è in genere l’iter del trattamento per l’artralgia?

Il trattamento ovviamente prevede una serie di livelli differenti in base alla patologia in essere.

  1. La fisioterapia è sicuramente necessaria. Sarà necessario effettuare esercizi di mobilizzazione attivi e passivi della spalla, una terapia fisica come la tecarterapia, il laser e gli antiinfiammatori.
  2. Come secondo step si prevede l’uso di infiltrazioni con cortisonici o acido ialuronico a seconda della caratteristica della lesione.
  3. Il trattamento chirurgico che generalmente si effettua in artroscopia, tranne nei casi di artroprotesi per artrosi gleno-omerale, si esegue solo se le altre terapie non hanno portato al miglioramento auspicato.

Via Gabelletta 147, Terni

Lun–Sab: 7:00 – 21:00 Domenica: Chiuso

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin